L'allergia cambia nel tempo

L'allergia evolve di continuo e i sintomi e i fattori scatenanti possono cambiare nel tempo. In generale, un bambino piccolo è esposto (e sensibile) ad allergeni diversi rispetto a un adulto medio. Esami e rivalutazioni a intervalli regolari dell'allergia sottostante sono necessari per personalizzare il trattamento e i possibili consigli su cosa evitare.

Nelle sue fasi iniziali, l'allergia può apparire come una condizione apparentemente innocua, come la febbre da fieno durante la stagione dei pollini. Alcune persone accumulano gradualmente una condizione allergica nell'arco di molti anni prima che si manifestino i sintomi. Altre, invece, provano una reazione anafilattica improvvisa e potenzialmente letale in seguito all'ingestione di un determinato cibo o farmaco, oppure alla puntura di un insetto. Inoltre, alcune allergie che iniziano con un eczema o con problemi gastrointestinali possono evolversi in asma, spesso implicando sintomi respiratori quali iperreattività e ostruzione delle vie respiratorie.

La marcia allergica - come cambia l'allergia

L'allergia subisce cambiamenti dinamici nel tempo: il termine "marcia dell'allergia" viene utilizzato spesso per descrivere questa caratteristica progressione patologica. Durante una sequenza tipica di "marcia dell'allergia", in genere la sensibilizzazione e i sintomi visibili:

  • appaiono durante specifici intervalli di età
  • persistono per vari anni
  • tendono a diminuire spontaneamente con l'età

Follow-up a intervalli regolari con l'esame ematico ImmunoCAP

Poiché l'allergia evolve continuamente, un esame ematico ImmunoCAP eseguito in un momento specifico mostrerà lo stato della malattia soltanto in quel particolare momento. Esami regolari di allergeni specifici eseguiti a intervalli determinati forniranno le informazioni necessarie a seguire accuratamente lo sviluppo della malattia.

Il follow-up a intervalli regolari con ImmunoCAP aiuterà a determinare:

  • se le allergie sono aumentate e se non è più necessario evitare o trattare determinati allergeni
  • se si sono sviluppate nuove allergie e se è necessario evitare o trattare nuovi allergeni

Di conseguenza, il benessere del paziente può essere ottimizzato nel tempo.